La sezione interventi sul pavimento tratterà delle problematiche più comuni inerenti la pavimentazione. Dalla collocazione e posa in opera, agli interventi minori relativi alle piccole riparazioni o sostituzioni di uno o più mattoni danneggiati, ma si parlerà anche del battiscopa non secondario elemento di completamento di una buona pavimentazione.
Saranno affrontati sia l’aspetto relativo al lavoro eseguito da una impresa edile sia quello relativo al lavoro “fai da te”.
Abbiamo analizzato quando si può risparmiare eseguendo in proprio un intervento e quando, invece, è il caso di affidarsi a ditte specializzate e con questo spesso risparmiare, evitando di fare due volte il medesimo lavoro. Affronteremo anche l’aspetto normativo relativo alla necessità o meno di munirsi di autorizzazioni per l’esecuzione di questi lavori sul pavimento.
Nel prosieguo tratteremo nello specifico: La posa in opera del pavimento, Piccole riparazioni del pavimento e il battiscopa per pavimenti.

 





La posa in opera del pavimento
Dopo aver scelto la piastrella per il nostro nuovo pavimento, diventa fondamentale la sua posa in opera, infatti anche il mattone più bello, perderà parte del suo fascino se collocato in maniera errata. Non faremo un trattato specialistico sul montaggio di un pavimento, ma cercheremo di fornire alcune idee e alcuni consigli per un miglior risultato finale. tratteremo dei due casi principali, quello del pavimento da posizionare “ex novo” e il caso di un pavimento da sostituire, affrontando i costi, fornendo consigli e dritte per evitare errori e costi superiori.

Il battiscopa per pavimenti
La funzione basilare del battiscopa collocato sulle pavimentazioni è quella di avere un bordo lungo le pareti a contatto col pavimento che nasconda visivamente l’unione del pavimento col muro, che presenterà sempre o il taglio del mattone o un paio di millimetri di vuoto, qualunque sia il materiale usato per la pavimentazione e per proteggere le pareti medesime da colpi, acqua e altre rischi possibili. In genere altezza e spessore sono in funzione del materiale usato, anche il tipo di montaggio è variabile, può avvenire con colla, con malta cementizia, ma anche con tasselli, chiodi, silicone, in base al materiale

Piccole riparazioni del pavimento
Un mattone si scheggia, una piastrelle si è lesionata, dobbiamo fare un intervento su una tubazione incassata sotto al pavimento e dobbiamo tagliarne un numero limitato. Questi sono solo alcuni dei casi in cui si è costretti ad intervenire con piccoli interventi di riparazione e di sostituzione di una parte del pavimento. Possiamo anche tentare a realizzare personalmente il lavoro, ma bisogna prestare molta attenzione per evitare che la soluzione peggiori il danno e ci ritroviamo costretti a fare intervenire una impresa aumentando in questo modo i prezzi. La sostituzione di un mattone ha livelli di difficoltà in base al sistema di montaggio del pavimento, al tipo di materiale della piastrella, al collante usato per la sua collocazione.
Gli interventi più difficili, anche per un esperto operaio, sono quelli sui mattoni di marmo o di graniglia montati senza fuga.