In questa sezione e nelle pagine seguenti abbiamo approfondito gli interventi nel bagno di piccola entità: dalla sostituzione di un rubinetto alla sistemazione dello scarico, dal sostituire un flessibile a come si montano gli accessori.
Sono, come si vede, interventi che spesso possiamo eseguire personalmente senza la necessità, e l’onere economico, di rivolgerci ad una impresa o all’idraulico. Ovviamente bisogna avere gli attrezzi giusti e un po’ di manualità ed esperienza.
Ma quando bisogna eseguire queste piccole riparazioni o manutenzioni? Per un miscelatore, per esempio, un campanello d’allarme si ha quando sentiamo la manopola troppo rigida, o vi sono perdite d`acqua, o anche mancata o cattiva miscelazione tra acqua calda e fredda.
Abbiamo ritenuto giusto dedicare una sezione a questi interventi minori da eseguire nei servizi igienici perché alla fine sono quelli più comuni e che possono portare a spese eccessive se non informati sulle reali cause e soluzioni.

 





Sostituire un rubinetto
Tra gli interventi più comuni che si possono fare in un bagno vi è la sostituzione della rubinetteria. Uno di quei lavori che con un po’ di pazienza e con gli attrezzi corretti è possibile eseguire col fai da te. Ovviamente si può far intervenire un idraulico che provvederà alla rimozione del vecchio e alla posa in opera del nuovo rubinetto. Però prestiamo attenzione, non sempre un rubinetto che non funziona vuol dire che deve essere sostituito. Potrebbe verificarsi che solo qualche elemento è da cambiare, una guarnizione o il sistema di miscelazione per esempio.

Sistemare lo scarico in bagno
Gli scarichi nel bagno è necessario che funzionino sempre perfettamente, sia quelli del lavabo o del bidet, sia quello della vasca o della doccia e, ovviamente, lo scarico del wc. Ognuno di essi ha delle specificità e di conseguenza avrà modalità differenti nella riparazione o nella sostituzione. Nella sezione relativa parleremo di come si riparano i diversi scarichi presenti nel nostro bagno, come mantenerli efficienti e come provvedere alla loro sistemazione o sostituzione, sia con l’ausilio di una impresa sia col “fai da te”, e consigliando quando è più utile e sicuro servirsi di una impresa per la riparazione.

Sostituire un flessibile in bagno
La sostituzione del flessibile che collega l’impianto alla rubinetteria ha la necessità di alcune attenzioni: il nuovo pezzo da montare sia di lunghezza simile a quello esistente e con le stesse dimensioni, si provveda a collocare le giuste guarnizioni sia in testa che in coda ed sempre acquistare prodotti di qualità, infatti per risparmiare qualche euro potremmo dopo non molto avere la necessità di una nuova sostituzione. Consigliamo di munirsi di alcune chiavi che potranno essere utili per molti lavoretti da fare personalmente, anche in questo caso cerchiamo di acquistare prodotti di qualità.

Montare gli accessori bagno

Il bagno sarà completo quando avremo montato tutti gli accessori indispensabili: dal porta sapone ai porta asciugamani, dallo specchio alla mensola del lavabo. Sono lavori che possiamo seguire facilmente anche personalmente, unica avvertenza è prestare la massima attenzione, infatti ricordiamo che dovremo eseguire dei fori nelle pareti e in genere nelle pareti vi si trovano gli impianti elettrico ed idrico e sono sottotraccia! Per evitare di provocare danni, o abbiamo lo schema degli impianti oppure è consigliabile munirsi di rilevatori di cavi, dei semplici e poco costosi strumenti che rivelano l’esistenza di cavi e tubi metallici passanti sottotraccia.

Sostituire lo scaldabagno

Lo scaldabagno ha necessità di una manutenzione periodica per avere un funzionamento buono nel tempo, ma può accadere di doverlo sostituire. In questi casi abbiamo due possibilità: eseguire personalmente il lavoro o rivolgerci ad un idraulico. Comunque, in entrambi i casi sempre meglio acquistare uno scaldabagno delle medesime dimensioni e forme del precedente, in questo modo avremo la certezza che si potrà collocare nella stessa posizione e nello stesso posto dove era posizionato il vecchio. Altrimenti corriamo il rischio che le staffe al muro di sostegno non vadano bene, che i flessibili sono da sostituire o che proprio il nuovo scaldabagno non entri nello spazio ad esso riservato.